Programma Contrada del Brodo dal 13 al 20 luglio 2015

Dal prossimo 13 luglio 2015 fino al 20 luglio si celebrerà la tradizionale festa della Contrada del Brodo nei cortili e vicoli intorno a via San Giovanni Bosco, un evento a metà fra la religione e il folclore, legata alla celebrazione della Madonna del Carmine.

Oltre una settimana di eventi a partire dalla recita del Santo Rosario nei cortili della contrada, uno dei momenti religiosi più sentiti dalla cittadinanza, concerti e spettacoli più profani, come la Pizzata con i Contradaioli, di giovedì 16 luglio, fino alla tradizionale distribuzione del brodo benedetto dal Monsignore, che avverrà domenica 19 luglio proprio sotto l’effige della Madonna del Carmine posta all’angolo di via San Giovanni Bosco.

Gran finale con la processione di lunedì 20 luglio con il simulacro della Madonna del Carmine, a partire dal sagrato della basilica di Santa Maria Assunta per le vie della Contrada.

Al termine si svolgerà l’estrazione della sottoscrizione a premi (organizzata dalla Pro Loco, biglietti in vendita in sede).

Ecco nel dettaglio il programma!

 

contrada-del-brodo-33x48.indd

Premiazione e inaugurazione Humour a Gallarate

Invito Humour

 

Si scaldano i motori nella sede della Pro Loco Gallarate per il grande giorno di “Humour a Gallarate Grand Prix Marco Biassoni”, che domenica 3 maggio dalle ore 11 aprirà i battenti, con la cerimonia di premiazione, prima, nella sala conferenze del Teatro Condominio Vittorio Gassman e di seguito con il taglio del nastro della mostra a Palazzo Minoletti.

Un evento di forte richiamo per la comunità umoristica internazionale che anche quest’anno non ha potuto rinunciare a mettersi alla prova con un tema legato ad Expo, “Il Mercato Globale”.

A completare la mostra delle XX e XXI Edizione la personale di Benny Nicolini, famoso caricaturista italiano.

L’appuntamento è per domenica mattina, 3 maggio 2015, dalle ore 11 per una giornata all’insegna delle risate e dell’humour graphic.

SABATO 8 MARZO 2014 – GALLCARNAVAL

SABATO 8 MARZO 2014 – GALLCARNAVAL

PDF Scarica il volantino

Schermata 2015-03-07 alle 16.09.02Dal 1984 al 1986, la manifestazione del carnevale denominata “ CARNEVALE INSIEME”, propone una sfilata di carri allegorici e gruppi mascherati per le vie della città. Dal 1987, la manifestazione cambia nome e diventa GALLCARNAVAL e dal 2006aprono il corteo i galli rosso e bianco.

La sfilata dei carri diventa a tema e concorso e si inventa un “palio” da assegnare alcarro vincitore. I palii sono opere di valenti pittori cittadini e del gallaratese.
La giuria è composta da personalità artistiche e rappresentanti della cittadinanza.
Dal 1988, i pittori dell’Associazione Artistica Alfa – 3A – partecipano alla festa del Gallcarnaval con la realizzazione di grandi stendardi con soggetto carnevalesco, che vengono esposti sui balconi di Piazza Garibaldi e Piazza Libertà e di una mega tela che fa da sfondo al palco, con la scritta “Carnevale insieme” (poi incendiata da ignoti).

Nel 1995 nascono le maschere di Re Risotto e Regina Luganeghetta. Questi personaggi sono accompagnati anche da un contadino e una contadina gallaratesi in costume del 1700. Il gruppetto diventa tradizione e aprirà il corteo mascherato anche negli anni successivi. Musica e animazione in piazza.
Anche il pubblico può votare il carro o gruppo preferito tramite il tagliando dellaLotteria “Re Risotto”. Un’altra innovazione è l’aggiunta di una sfilata notturna, con icarri illuminati, nella settimana precedente il nostro sabato grasso.

Dal 2000, la Pro Loco sospende il concorso per l’assegnazione del Palio al carro vincitore e punta a consolidare e arricchire la manifestazione anche con la partecipazione di Pro Loco e gruppi del Bacino Val D’Arno-Ticino Varese 7. L’animazione musicale sul palco in Piazza Libertà è affidata a gruppi e complessi che coinvolgono nel ballo collettivo le numerose persone presenti.

Quella del 2003 è la ventesima edizione del Carnevale Gallaratese.
In tutti questi anni, la Pro Loco, in collaborazione con l’Amministrazione Comunalee con i gruppi di Gallarate e non, ha sempre cercato di rendere questa manifestazione un vanto per la città, di migliorarla anno per anno, di arricchirla, di allargare i suoi confini, di soddisfare “tutti” i cittadini con un particolare riguardo ai più piccoli. Creare un momento di aggregazione e mantenere, anche nei momenti di difficoltà, quella che è ormai diventata “tradizione”.